Quando visiti piccole aziende vinicole in Italia che occupano incantevoli proprietà antiche in splendidi scenari, spesso ti ritrovi a desiderare che i proprietari forniscano una sorta di alloggio in affitto in modo da poterti soffermare nell’atmosfera di questi luoghi. Ancora di più quando il vino è così buono che preferiresti di gran lunga prepararti semplicemente la cena dopo e goderti una bottiglia circondata dalle stesse viti che hanno dato vita al liquido nel tuo bicchiere.

Alla fine nei nostri viaggi ci siamo imbattuti inevitabilmente in qualcuno che riconosce l’attrazione di questo concetto per i turisti del paese ea Dacapo abbiamo trovato quella persona in Renata Bonacina .

I vigneti della cantina Dacapo ad Agliano Terme, Piemonte

Renata non è la tipica proprietaria di vigneti e vinificatrice italiana. Lei e suo marito Giovanni sono una coppia cosmopolita e viaggiatrice, a suo agio in diverse culture e lingue diverse che al loro ritorno in Italia a metà degli anni ’90 si innamorarono delle Langhe e trovarono la loro proprietà ideale da ristrutturare a Castiglione Tinella , a circa metà strada tra Asti e Alba .

Diversi anni di duro lavoro dopo, i vigneti restaurati e ripiantati hanno riaperto come cantina Cà ed Balos e poiché la loro terra aveva già una lunga storia con l’uva Moscato, hanno mantenuto fede alla tradizione. Il Moscato d’Asti divenne il primo amore di Renata e il suo affetto per l’uva Moscato Bianco continua ancora oggi quasi due decenni dopo, quando è solo uno dei tanti vitigni nel suo impressionante portafoglio di vini.

Cantina Dacapo ad Agliano Terme, Piemonte

C’è un’energia irrequieta in Renata e immagino che produrre Moscato d’Asti anno dopo anno praticamente con il pilota automatico si sia rivelato non sufficientemente impegnativo per il suo talento o la sua ambizione, quindi nel 2017 hanno acquisito le proprietà Dacapo che hanno ampliato la loro presenza geografica a nord fino Agliano Terme (vigneti Barbera) e nel Monferrato (vigneti Ruchè e Nebbiolo) e la sua gamma di vini a 12 diverse etichette .

Abbastanza una sfida per chiunque, ma Renata non si presenta come una persona che ha morso più di quanto possa masticare.

L’acquisto di Dacapo con i suoi vigneti di Barbera e Ruchè ben posizionati è stata una mossa particolarmente astuta perché Ian D’Agata nel suo libro di consultazione completo e accademico del 2014 ‘ Native Wine Grapes of Italy ‘ dedica quattro pagine all’uva Barbera e fa una menzione speciale del Dacapo Vini Barbera; elogio davvero se si considera la pletora di ben più famosi produttori di Barbera che si trovano in Piemonte.

Inoltre, nella sezione dedicata al Ruchè, due dei suoi quattro migliori esempi di questo vino sono stati Dacapo e Crivelli . Ha elaborato ulteriormente il vino Ruchè di Dacapo, chiamato Majoli , come segue: ” nelle buone annate così puro e profumato può essere uno dei trenta vini più grandi d’Italia “. Un riconoscimento notevole visto quanti grandi vini produce l’Italia e visto anche il prezzo molto ragionevole di 11 euro di Majoli.

Un anno fa abbiamo scritto un articolo intitolato ‘ Mangiare e Dormire in Valpolicella ‘, qui linkato , che descriveva un luogo ideale per soggiornare in mezzo ai vigneti con una bella passeggiata fino ad un ottimo ristorante nelle vicinanze. Dopo il nostro soggiorno a Dacapo siamo altrettanto entusiasti dell’appartamento che Renata ha ristrutturato per l’affitto. Ha chiaramente attinto alla sua precedente carriera e alla sua vasta esperienza di vita e di viaggi in altri paesi per progettare e arredare lo spazio perfetto per una famiglia o un piccolo gruppo di turisti della regione del vino.

Le foto che abbiamo scattato (sopra e sotto) e quelle sul sito web di Dacapo, linkato qui , forse faranno un lavoro migliore nel trasmettere il livello di comfort e spaziosità rispetto alle semplici parole, ma basti dire che come affittuari frequenti di tutti i tipi di alloggio in lungo e in largo per l’Italia, Renata ha fatto un ottimo lavoro con questo appartamento.

Ma le fotografie non raccontano mai l’intera storia perché ci siamo abituati a vedere le immagini di cucine dall’aspetto eccezionale in proprietà in affitto a breve termine solo per scoprire all’arrivo che sono così scarsamente attrezzate da rendere quasi impossibile cucinare un pasto decente, a causa o di la negligenza del proprietario o più probabilmente la sua preferenza per te di non usare effettivamente la cucina ma di mangiare fuori.

Tuttavia, se arrivi dopo un lungo viaggio con del buon cibo da cucinare e scopri che non c’è nemmeno il sale o l’olio d’oliva fornito è irritante oltre ogni immaginazione. Questi proprietari si aspettano davvero che tu porti con te questi oggetti o che ti arrampichi immediatamente nel negozio più vicino e compri un chilo di sale o una bottiglia intera di olive quando ne hai bisogno solo una piccola quantità?

È l’attenzione a dettagli come questi che rende felici i viaggiatori esperti come noi e la cucina di Renata è stata una delle pochissime in cui ci siamo imbattuti ad essere adeguatamente rifornita per consentire ai suoi ospiti di rilassarsi e non preoccuparsi dei piccoli ma necessari oggetti che tutti noi dare per scontato.

Per quanto riguarda il resto dell’appartamento, le camere da letto, il bagno, il soggiorno e la terrazza erano tutti molto più spaziosi e meglio arredati del nostro appartamento a Lucca, quindi Renata ottiene il massimo dei voti per tutto.

Sarebbe ovviamente un po’ imbarazzante alloggiare in uno splendido appartamento sopra un’azienda vinicola e poi scoprire che i vini sono solo mediocri. Fortunatamente qui è vero il contrario e se così non fosse allora questo articolo non sarebbe stato scritto perché, come per ogni altro articolo su questo sito, non riceviamo alcun compenso o compenso di alcun tipo per averlo scritto. Abbiamo pagato il nostro vino e l’appartamento sulla stessa base di qualsiasi altro turista.

Nel 2018 Renata ha migliorato e ampliato la cantina Dacapo, ha aggiunto apparecchiature per il controllo della temperatura e ha anche restaurato l’antica barricaia sotto l’edificio della cantina. È da tempo sostenitrice dell’agricoltura biologica e ha una passione per i vitigni autoctoni del Piemonte, tutti coltivati ​​nel cuore delle loro zone tradizionali dove esprimono al meglio il terroir.

Le risposte di Renata alle nostre due divertenti domande sugli altri vini che le piacciono e sul suo piatto preferito sono state le seguenti:

Vino : Malvasia Istriana e altri vini istriani

Piatto : Risotto allo Zafferano

L'antica bottaia sotto la cantina di Dacapo ad Agliano Terme

Note di degustazione :

Raramente ci imbattiamo in una cantina dove ogni singolo vino è di così alta qualità. Inoltre tutti i vini di Renata presentano una grande tipicità e sono tutti eccezionalmente equilibrati. Quello che li accomuna è l’eleganza .

Cà ed Balos – Moscato d’Asti 2021 DOCG (5,5% alcol)

(100% Moscato Bianco, fermentazione interrotta anticipatamente in autoclave di acciaio inox per produrre uno spumante con alto residuo zuccherino e bassa gradazione alcolica)

Primo amore di Renata tra le uve, questo è un Moscato ben fatto e facile da bere. E’ piacevolmente aromatico con note di fiori bianchi e drupacee e ha una certa finezza con la dolcezza mai stucchevole. Perfetto per accompagnare un dessert .

Dacapo – Majoli 2021 – Ruchè di Castagnole Monferrato DOCG (15% alcol)

(100% Ruchè, fermentato e affinato in acciaio)

Rosso rubino intenso, profumo intenso e aromatico che ricorda petali di rosa e viola con un tocco di spezie dolci. Tutti dovrebbero provare almeno un vino Ruchè perché proprio come la marmite o lo amerai o lo odierai. Sono un grande estimatore di quest’uva e questo Majoli è un’ottima pubblicità per il Ruchè. Al palato c’è abbondanza di frutta scura e alcune note balsamiche che terminano con una leggera amarezza sul lungo finale sapido, quasi come un amaro rinfrescante. Super vino per il prezzo e non mi aspettavo niente di meno dopo i commenti di Ian D’Agata. 11 euro

Dacapo – Giarè 2020 – Langhe Dolcetto DOC (13% alcol)

(100% Dolcetto, fermentato e affinato in acciaio inox)

C’è un’attraente ricchezza di ciliegia in questo vino ei tannini sono sorprendentemente morbidi per un Dolcetto così giovane che non ha visto il legno. Terminando con un pizzico di mandorle, questo è un vino ben bilanciato da bere piacevole al momento del rilascio che offre un valore meraviglioso a 9 euro

Dacapo – Sanbastiàn 2020 – Barbera d’Asti DOCG (15% alcol)

(100% Barbera, fermentato in acciaio inox e affinato per 9 mesi in botti grandi di rovere francese vecchie e non tostate)

Di colore quasi violaceo, al naso è subito accattivante con note di mirtilli, ribes rosso e spezie dolci. È un vino straordinariamente equilibrato con un’acidità succosa e rinfrescante piuttosto che aspra e invadente. Buon frutto al palato con tannini molto in sottofondo. I 9 mesi trascorsi in botte l’hanno resa una Barbera morbida e beverina, ma non manca di tipicità. Un vino ricercato da tutti coloro che pensano che la Barbera sia troppo acida, soprattutto vista l’ottima proposta a 10 euro.

Dacapo – Valrionda 2019 – Barbera d’Asti Superiore DOCG (15% alcol)

(100% Barbera, fermentato in acciaio inox e affinato per 12 mesi in botti grandi di rovere francese)

Questa è una Barbera sensazionale che riesce a coniugare la naturale acidità di quest’uva con un ricco fruttato di bacche rosse che riveste il palato in modo eccezionalmente equilibrato. Note di liquirizia sfumano in un finale piacevolmente pepato. Sicuramente corposo, ma questo è incredibilmente leggero per un vino con 15 gradi di alcol e rimane fresco ed elegante per tutto il tempo. L’abilità e l’esperienza di Renata con l’uva Barbera sta nel giudicare la quantità perfetta di esposizione del legno per abbinare le caratteristiche individuali di ogni annata.

Dacapo Vigna da Capo Nizza Riserva DOCG

Ian D’Agata è stato azzeccato quando è stato così espansivo nel lodare la materia prima nei vigneti di Dacapo e Renata l’ha valorizzata al meglio. 13 euro è un prezzo molto ragionevole da pagare per tale qualità.

Dacapo – Vigna da Capo 2016 – Nizza Riserva DOCG

( Vino 100% Barbera monovigneto ‘cru’, fermentato in un tino francese Allier poi affinato per 24 mesi in botti di rovere la cui dimensione dipende dalle caratteristiche di quella particolare annata).

Degustato in loco, questo è un vino complesso che aveva ancora un sacco di frutti di ciliegia maturi ma anche quei deliziosi aromi e sapori terziari che derivano dall’età, tra cui tabacco, cuoio e spezie dolci. Vale la pena conservare questo vino per qualche anno per goderselo al meglio .

Grappa Ca ed Balos, versione Ambrata

Cà ed Balos – Grappa di Moscato – Versione Ambrata (42% alcol)

(100% Moscato, affinato per 6 mesi in barriques di rovere francese)

Ho provato dozzine di diversi tipi di grappa nei miei 9 anni in Italia e nessuno di loro mi ha convertito dallo scotch, ma la versione ambrata di Renata potrebbe proprio. Il naso qui è un inebriante mix di nocciole, tabacco e arancia e sebbene non ci sia una vera dolcezza al palato, c’è un ricco sapore di butterscotch che emerge. Secco e molto morbido con un finale lungo e morbido. Una grappa da sorseggiare e assaporare dopo cena.

Michael  Woodhead

Add comment

Share the post

Facebook
LinkedIn
Twitter
Email
WhatsApp

Other post

Dacapo S.agr.r.l. Sede Legale: Via Forti 1, 12053 Castiglione Tinella (CN) – Sede Operativa: Strada Asti – Mare 4, 14041 Agliano Terme (AT) Tel: +39 0141 964921 | Cell: 3357091570 P.Iva 03686510045 Copyright © 2011- 2021 | All rights reserved to Dacapo – Cà ed Balos –